Home > Sogni con la Z > Sognare gli zii, lo zio, la zia: che significa, interpretazione e numeri al lotto

Sognare gli zii, lo zio, la zia: che significa, interpretazione e numeri al lotto

loading...

In una visione allargata del concetto di famiglia, gli zii rientrano sicuramente, a buon diritto, tra le figure parentali  più strette, con i quali condividiamo, spesso, gran parte dei nostri ricordi d’infanzia. I tempi cambiano, e con essi anche il nostro concetto di famiglia, inteso come focolare domestico nel quale potersi rilassare spiritualmente ed essere se stessi; solo qualche decennio fa, soprattutto nelle zone meno industrializzate del nostro paese, il termine famiglia ricopriva una valenza collettiva maggiore di quella odierna, ove gli zii svolgevano un ruolo determinante per la crescita stessa dei nuovi arrivati.

La famiglia rappresenta, in genere per i più fortunati, il luogo nel quale avviene la strutturazione dei valori etici e morali dell’individuo, luogo confortevole e rassicurante di ritrovo dove ogni parente è in grado di contribuire alla crescita e allo sviluppo emotivo reciproco, e gli zii certo non possono sottrarsi a tale definizione. Sognare gli zii è dunque una esplicitazione onirica dei valori familiari introiettati nella nostra coscienza, e degli insegnamenti che costituiscono le nostre fondamenta morali.

GLI ZII NEI SOGNI

I rappresentanti del nucleo familiare ed i parenti in genere, fanno parte della folta schiera delle apparizioni oniriche più frequenti, indipendentemente dalla regione culturale o sociale d’appartenenza; sono i simboli universali più tangibili dei nostri codici comportamentali e ne rappresentano un prolungamento emotivo; infatti sognare gli zii si presenta come una sorta di automatismo psichico, che sta utilizzando le figure familiari più prossime, vicine e riconosciute, al fine di far emergere nel sognatore emozioni e sentimenti latenti che garantiscono anche il ricordo stesso durante il sonno. I parenti, e gli zii in particolare, sono in grado di incidere profondamente nella vita di un essere umano e sul suo stesso sviluppo cognitivo, lasciando nel passato di ognuno di noi elementi sempre riscontrabili anche nelle istanze presenti.

Ecco che gli zii si presentano come gli attori di un teatro inconscio propedeutico alla rappresentazione delle nostre emozioni più tipiche, per dar loro lo sfogo necessario e la giusta rappresentazione; è chiaro dunque come l’emozione inscenata sia diretta conseguenza anche del rapporto che noi stessi abbiamo creato con tali figure. Le emozioni più tipiche che portano con sé gli zii in sogno sono quelle della malinconia/nostalgia; infatti generalmente è durante i primi anni di infanzia che abbiamo più a che fare con essi, sognarli potrebbe indicare una certa nostalgia per quei tempi, ed il significato latente corrisponderebbe a necessità quali la protezione, l’aiuto, la difficoltà nel trovare il proprio spazio e la propria autonomia.

Anche il sesso è fondamentale; lo zio possiede l’archetipo del maschio, ma meno marcato rispetto a quello del padre, il che significa che valori quali la legge, l’obbedienza, la gerarchia o l’ordine vengono ad affievolirsi nell’animo del sognatore. La zia ovviamente appartiene alla categoria, per contro, dell’archetipo femminile affievolito, concetti quali l’attaccamento, la protezione, l’emotività sono ben distanti dalla condizione spirituale del sognatore. In sostanza essi sono sempre lì a ricordarci il nostro codice comportamentale d’appartenenza e gli aspetti periferici del nostro carattere che si sono creati a partire dall’età puerile ma che possono perdurare sino alla piena maturità.

Una visione più pragmatica suggerisce che la comparsa degli zii in sogno rimanderebbe ad un recente incontro avuto con una persona estranea, la quale ha assunto nei riguardi del sognatore atteggiamenti, modalità tonali della voce, o gesti che gli hanno ricordato il comportamento familiare degli zii, e tutto ciò avrebbe provocato un’associazione di idee perdurate sino al sonno. Tali elementi sarebbero stati considerati come mancanti in quel momento, e l’immagine onirica starebbe lì a segnalarci tale bisogno di calore, affettività e complicità ritrovata improvvisamente in un individuo estraneo. Rimane di fondamentale importanza, nel computo interpretativo, prendere in considerazione i sentimenti e gli stati d’animo che attraversano il sogno durante la visione ed associarli al tipo di rapporto che si ha nei confronti di tali figure.

SOGNARE GLI ZII DEFUNTI

La morte, come spesso abbiamo sottolineato, sarebbe monito di un cambiamento repentino, la fine e la morte di alcuni elementi come preludio al nuovo; in questo caso è probabile riscontrare, nella vita del sognatore, un cambiamento improvviso dei suoi atteggiamenti nei confronti dei familiari più prossimi a causa di necessità di vario tipo.

SOGNARE ZII CHE SORRIDONO

È l’espressione più tipica a sottintendere una considerevole pacificazione con i propri dissidi emotivi interni; gli zii, emblemi dei valori familiari, con il loro sorriso esprimono il personale compiacimento del sognatore nel rispettare le proprie normative comportamentali interiori.

SOGNARE DI LITIGARE CON GLI ZII

In questo caso, al contrario, il dissidio etico interiore ha preso una piega opposta; le diverse vicissitudine della vita hanno costretto il sognatore a mettere in discussione il proprio sistema di valori, magari a causa di una crescita o maturazione personali, così il litigio esprimerebbe il contante allontanarsi da essi.

LOTTO E CABALA

La cabala e la smorfia attribuiscono due numeri differenti in base al sesso del parente: 5 per la zia, 12 per lo zio.

Articoli interessanti

loading...
Top